Origini e Storia del Badminton

 Framento di vaso cinese del 3000 a.c
Il gioco del badminton ha radici antichissime ed è stato il primo sport di racchetta: le prime tracce vennero infatti trovate addirittura su vasi cinesi del 3000 a.c, con la raffigurazione di giovani intente a divertirsi con delle racchette in legno pieno e con un attrezzo costituito da una sfera con infilate, ad una estremità, delle piume.

Da qui cominciò a diffondersi anche in Giappone, in India, in Sumeria, in Grecia e fino ad approdare in Inghilterra dove diviene ufficialmente una disciplina sportiva nel 1860, risale la data di nascita ufficiale della nascita del Badminton moderno, quando nel Castello di Badminton ("Badminton House") nella contea del Gloucestershire, quando alcuni ufficiali consigliarono alle giovani figlie del Duca di Beufort di stendere una cordicella attraverso le pareti e di cercare di tirare il volano con la racchetta al di fuori della portata dell'avversario. Nacque così la denominazione di Badminton.

Nel 1934, venne istituito l'organismo internazionale IBF (International Badminton Federation) che raggruppa le nazioni costituenti: il Canada, la Danimarca, L’Inghilterra; la Francia, l’Irlanda, l’Olanda, la Nuova Zelanda e la Scozia.
Dal 2007 l’IBF è diventata Badminton World Federation (BWF) e attualmente rappresenta l’organo di governo dello sport Badminton con sede a Kuala Lumpur (Malesia), uffici a Losanna (Svizzera) e collabora attivamente per lo sviluppo del Badminton insieme al (Comitato Olimpico Internazionale).
Il badminton è diventato sport dimostrativo alle Olimpiadi di Seul nel 1988 e sport olimpico nel 1992. Nel 2001, la F.I.Ba. (Federazione Italiana Badminton) è stata riconosciuta dal Coni.
E' nato prima il volano o la pallina?Sia gli documenti storici che la logica ci dicono che il pimo oggetto concepito per essere scagliato da una racchetta non può essere stato che un volano. Prima che fosse inventata la vulcanizzazione della gomma, infatti, nessun attrezzo avrebbe potuto reggere il peso di una palla. Questo non significa che il tennis derivi dal Badminton, anche se c'è chi sostiene questa teoria e non mancano gli esempi di tennisti celebri forti anche in questo sport, tra cui Bjorn Borg, Boris Becker e Mats Wilander. L'esempio più eclatante è quello di Michael Chang, di cui tutti ricordano la sofferta vittoria su Ivan Lendl al Roland Garros '89. In quell'occasione, il tennista statunitense sorprese il suo avversario con una battuta "dal basso", un gesto apparentemente folle, ma che in realtà era un'eredità del suo primo sport. Non a caso in Inghiterra due anni di Badminton sono obbligatori per la pratica del tennis.